mercoledì 14 novembre 2012

La prova del cielo

http://lospecchiodelpensiero.files.wordpress.com/2012/11/out.jpgC’è un segreto che è molto più grande di politica, salute, scienza o addirittura di tutta la storia del genere umano. Quel segreto rimane del tutto non riconosciuto – anche condannato – dalla comunità scientifica e tuttavia è il segreto più importante in merito a tutto ciò che è. Sì, tutto.
Questo segreto consiste semplicemente in questo: Noi tutti sopravviviamo alla morte fisica del nostro corpo.



 La nostra coscienza vive, e dopo la nostra morte in questo sogno terrestre, la nostra coscienza trascende la realtà fisica e sperimenta un’esistenza così incredibile e potente che il linguaggio umano non può nemmeno descriverla.
Questo è il messaggio del Dr. Eben Alexander, autore del libro appena pubblicato, “La prova del Cielo.” Di recente ho letto il libro e l’ho trovato affascinante è anche la conferma di alcune importanti teorie in via di sviluppo sulla natura della vita e del Creatore. (Vedere di seguito.)
Uno scienziato scettico per tutta la vita che non ha mai creduto in Dio, nel Cielo o nella coscienza.
Molto prima che questo libro fosse scritto, il dottor Alexander era un neurochirurgo e un irriducibile scettico. Non credeva nella coscienza,  nel libero arbitrio o nell’esistenza di uno spirito non-fisico. Formatosi  in una facoltà di medicina occidentale e circondato da colleghi medici profondamente implicati nella vista materialista dell’universo, il dottor Alexander ritiene che la cosiddetta “coscienza” fosse solo un’illusione creata dal funzionamento biochimico del cervello.
Si tratta di una tesi di quasi tutti gli scienziati ufficiali di oggi, tra cui fisici come Stephen Hawking che dicono che gli esseri umani non sono altro che “robot biologici” senza coscienza e libero arbitrio.
Il Dr. Alexander avrebbe mantenuto questo punto di vista nel suo letto di morte se non fosse stato che si è trovato a vivere un evento così bizzarro e miracoloso che sfida ogni spiegazione convenzionale scientifica: il Dr. Alexander “è morto” per sette giorni e ha sperimentato un viaggio vivido nella vita dopo la morte. Poi è tornato al suo corpo fisico, ha sperimentato una guarigione miracolosa, ed ha continuato a scrivere il libro “La prova del Cielo.”
L’infezione E-coli mangia il suo cervello.
Tutto è iniziato quando i batteri dall’e.coli infettarono il liquido spinale del Dr. Alexander e il cervello esterno. L’E.coli cominciò a mangiare letteralmente il suo cervello e a mandarlo in un attacco violentissimo di crisi, con esplosioni verbali e spasmi muscolari prima di farlo cadere in una morte cerebrale, coma.
In questo coma, non mostrava attività cerebrale superiore ed è stato tenuto in vita solo attraverso un respiratore e fluidi IV. I medici hanno presto concluso che il Dr. Alexander sarebbe morto nel giro di pochi giorni e che, anche se fosse vissuto, sarebbe stato un vegetale non-funzionante con funzioni cerebrali limitati. Statisticamente, il tasso di mortalità per i pazienti con infezioni da e.coli del cervello è del 97%.
Ma qui è la vera e propria notizia shock in tutto questo: invece di non sperimentare nulla durante questi sette giorni in incoscienza, il dottor Alexander si è trovato “risvegliato” dal sogno della sua vita terrena,  e a vivere improvvisamente un’espansione incomprensibilmente grande della sua coscienza nell’aldilà .
Questa esperienza è descritta in dettaglio nel suo libro “La prova del Cielo”, ma qui sono i punti salienti:
• L’esperienza della vita dopo la morte è stata così “reale” ed espansiva che l’esperienza di vivere come un essere umano sulla Terra sembrava un sogno artificiale al confronto.
• Non c’era dimensione temporale nella vita ultraterrena. Il tempo non  “scorreva”, come avviene nel nostro universo. Un attimo può sembrare un’eternità e la coscienza poteva muoversi attraverso ciò che percepiamo come tempo senza sforzo. (Questa idea che tutto il tempo esiste contemporaneamente ha enormi implicazioni nel comprendere la natura del libero arbitrio e del multiverso, insieme con il flusso apparente di tempo vissuto dalla nostra coscienza in questo regno.)
• Il materiale della vita dopo la morte era AMORE puro. L’amore dominava la vita dopo la morte al punto tale che la presenza complessiva del male era infinitamente piccola.

• Nella vita dopo la morte, tutta la comunicazione è telepatica. Non c’è bisogno di parole pronunciate e neppure di separazione tra l’io e tutto il resto che accade intorno a voi.
• Nel momento in cui fate una domanda nella vostra mente, le risposte appaiono immediatamente evidenti in profondità e in un dettaglio da mozzare il fiato. Non c’è niente di “sconosciuto” e il semplice porre una domanda è immediatamente accompagnato dalla comparsa della sua risposta.
• Esiste anche un inferno letterale, che è stato descritto dal Dr. Alexander come un luogo interrato, con le radici degli alberi nodosi e con facce demoniache e un tormento senza fine. Dr. Alexander è stato salvato da questo posto da esseri angelici e trasportati in Cielo.
Dio riconosce l’esistenza del multiverso
Il passaggio di “Proof of Heaven” che ho trovato più interessante si trova a pagina 48, dove il Dr. Alexander ha detto:
Attraverso l’Orb, [Dio] mi ha detto che non c’è un solo universo, ma molti – in realtà, più di quanti potessi immaginare – ma che l’amore sta al centro di tutti. Il male è presente in tutti gli universi, ma solo in piccole tracce. Il male è necessario perché senza di esso il libero arbitrio è impossibile e senza il libero arbitrio non c’è crescita – nessun movimento in avanti, nessuna possibilità per noi di diventare ciò che Dio desiderava che noi fossimo. Mentre nel nostro mondo il male sembra essere Orribile e onnipotente, nel quadro più ampio l’amore è sempre dominante e, in ultima analisi, sempre trionfante.
Questo passaggio ha toccato un importante corda per me, come ho creduto a lungo il nostro universo è stato creato dal Creatore come solo uno in un numero infinito di altri universi, ciascuno con variazioni sulla vita e le leggi della fisica. Quello che il Dr. Alexander conferma è che la nostra vita sul pianeta Terra è un “test” di crescita personale e che il modo per compiere progressi in questa prova è quello di vincere il male, mentre si diffonde l’amore e la compassione.
Ancor più, questo passaggio conferma anche l’esistenza del libero arbitrio e aiuta anche rispondere alla domanda che spesso mi chiedono: “Perché siamo stati messi qui, in un mondo tanto malvagio  e circondato da ignoranza, oscurità e l’inganno” La risposta sembra essere che la Terra è un banco di prova per le anime che sono state selezionate dal Creatore per la prova finale del bene contro il male.
Terra come un banco di prova
Anche se “La prova del Cielo” non va molto oltre di quanto sto spiegando qui, la mia teoria è che il nostro pianeta Terra è tra i regni nel multiverso più infestati dal male. Solo le anime più coraggiose decidono di venire sulla Terra per nascere in corpi umani spogliati dei propri  ricordi.
Da lì, la sfida della vita è multiforme:
1) Immaginare chi siete e perché siete qui.
2) Imparare a riconoscere e vincere il male (la tirannia, la schiavitù, l’oppressione, il Grande Governo, ecc.)
3) Imparare a diffondere l’amore, la compassione, la guarigione e la conoscenza.
Alla nostra morte, siamo giudicati da un potere superiore e la sentenza prende in considerazione le nostre prestazioni in questi settori. Abbiamo raggiunto una certa consapevolezza di noi stessi? Abbiamo lavorato per vincere il male? Abbiamo espresso l’amore e la compassione e aiutato gli altri a sollevarsi con conoscenza e consapevolezza?
Come probabilmente avete già capito, la maggior parte degli esseri umani non riesce in questi test. Muoiono con amarezza, egoisti, tossicodipendenti, guidati dall’avidità, servi del male che hanno erroneamente pensato che stavano vincendo la partita della vita, mentre, in realtà, stavano perdendo la prova di gran lunga più importante del Creatore.
La parte più importante di una vita umana non è l’acquisizione di denaro o la fama o potere sugli altri, ma piuttosto raggiungimento di un elevato “punteggio” in questa simulazione nota come “vita” di resistere al male, diffondere l’amore e ampliare la consapevolezza di ciò che è vero.
Per coloro che rispettano della vita, praticano l’umiltà e la consapevolezza di sé, cercano di diffondere la conoscenza e la saggezza mentre resiste la tirannia, l’oppressione, l’ignoranza e il male, le loro anime, credo, saranno selezionate per compiti speciali nel multiverso. Questa è l’esistenza “reale”. Questa vita terrena è solo un sogno, una simulazione in cui la vostra anima si scontra con la biologia grezza del nostro pianeta per un brevissimo lasso di tempo che in realtà è un batter d’occhio in un quadro più ampio.
In realtà, siete molto più del vostro corpo. In realtà, la vostra anima è infinitamente più consapevole, intelligente e creativa di quello che può essere vissuto o espresso attraverso il cervello di un essere umano. Cercare di vivere la piena realtà di ciò che si è attraverso la materia, il limitato cervello fisico di un essere umano è un po’ come cercare di insegnare un insetto a comporre musica come Mozart.
Il multiverso è brulicante di vita intelligente, compresi gli esseri multidimensionali
Il Viaggio del Dr. Alexander conferma anche l’esistenza di vita intelligente al di là della Terra. Come spiega nella “prova del Cielo”:
Ho visto abbondanza di vita in tutti gli innumerevoli universi, tra cui alcuni la cui intelligenza è avanzata ben oltre quella dell’umanità. Ho visto che ci sono innumerevoli dimensioni superiori, ma che l’unico modo per conoscere queste dimensioni è quello di entrare e sperimentarle direttamente. Non possono essere conosciute o comprese dal basso. Da quei mondi superiori si può accedere in qualsiasi momento o luogo nel nostro mondo.
Questo non solo conferma l’esistenza di altre civiltà intelligenti in tutto il nostro universo conosciuto, ma soprattutto l’esistenza di esseri multidimensionali che possono entrare e uscire dal nostro campo a loro piacimento.
In tutte le culture del mondo, ci sono innumerevoli racconti esseri avanzati che visitano la Terra, di trasferimenti di tecnologia verso la Terra, e forse anche dell’incrocio con i primi uomini. Anche la base stessa del cristianesimo inizia con l’idea che un essere onnipresente multidimensionale (Dio) possa intervenire a piacimento e quindi trascendere il tempo e lo spazio.
Ricercatori alternativi come David Icke parlano anche di esseri multidimensionali in visita sulla terra che hanno infettato il pianeta con un grande male. Secondo Icke, i controllori globalisti del nostro pianeta sono letteralmente rettili mutaforma che hanno invaso il nostro mondo con lo scopo di controllare e schiavizzare l’umanità. Anche se nulla di tutto questo è coperto nel libro del Dr. Alexander, non è in contrasto con quello che al dottor Alexander è stato detto da Dio durante il suo coma … Vale a dire, che ci sono realtà multidimensionali, che alcuni esseri dalle forti vibrazioni possono attraversare quelle realtà a loro piacimento e che la Terra è infestata da un grande male, che ha lo scopo specifico di testare il nostro carattere.
Se tutto questo suona un po’ troppo inquietante per voi, prendete in considerazione le parole della Bibbia stessa: Un serpente in posizione verticale ha parlato in parole udibili ad Adamo ed Eva nel giardino dell’Eden, non ha vero?
Gli scettici sbagliano (di nuovo)
Indipendentemente da ciò che si potrebbe pensare di esseri multidimensionali, vita intelligente oltre la Terra e dell’esistenza di un grande male del nostro pianeta, c’è un aspetto di tutto ciò che è cristallino: Gli scettici si sbagliano di grosso.
Il nome degli  “scettici” è , attualmente, sbagliato. Non sono scettici in tutto. Seguono semplicemente la loro religione, con le sue convinzioni sacre che non possono essere messe in dubbio … mai! Tali credenze includono il culto totale della visione materialistica dell’universo. Allo stesso tempo, i cosiddetti “scettici” non credono di essere esseri coscienti perché credono che la coscienza è solo un “artefatto” delle funzioni cerebrali biochimiche.
Non c’è vita dopo la morte, insistono. Non c’è medicina mente-corpo, l’effetto placebo è inutile e non c’è cosa come la premonizione, la visione a distanza o  fenomeni psichici. Oh sì, insistono sul fatto che iniezioni di vaccini con il mercurio, MSG e la formaldeide sia in realtà un bene per voi, che le sostanze chimiche a base di fluoro sono buone per la salute pubblica e che tutti noi dovremmo mangiare più OGM, pesticidi e sostanze chimiche di sintesi.
Non è una sorpresa questi membri della setta religiosa del culto “scientismo” non credono in una vita dopo la morte. Questo è ciò che permette loro di commettere crimini di genocidio contro la razza umana oggi via OGM, medicina sperimentale, i vaccini tossici e altri esperimenti mortali. A loro avviso, gli esseri umani non hanno anima per questo ucciderli non ha nessuna conseguenza.
Come il dottor Alexander dice:
Alcuni membri della comunità scientifica, che sono impegnati alla visione del mondo materialista, hanno insistito più e più volte che la scienza e la spiritualità non possono coesistere. Si sbagliano.
Beh, certo, gli “scettici” si sbagliano su quasi tutto ciò che sostengono di difendere. Ma il loro errore più grande di tutti è nel negare l’esistenza della propria anima. Inutile dire che stanno tutti per fallire la simulazione dell’esperienza umana, una volta che trapasseranno e si troveranno di fronte al giudizio. Che ne sarà di quelle anime tristi quando quel giorno arriverà …
Mi dispiacerebbe affrontare Dio un giorno, dopo aver vissuto una vita di uno scettico che mi pone la domanda: “Tu hai dubitato di me” Come si può dare un’occhiata al mondo che ci circonda e non vedere i segni di un Creatore intelligente? Anche le leggi della fisica sono state ottimizzate e messe a punto nel giusto equilibrio in modo che il nostro universo stesso sia grado di supportare la formazione di stelle e pianeti e le forme di vita basate sul carbonio. Questo è chiamato l’”Goldilocks Enigma” e c’è un bellissimo libro di quello stesso nome scritto da Paul Davies.
Non c’è nessuna spiegazione biochimica per l’esperienza del Dr. Alexander.
Per gli scettici nella lettura di questo, il dottor Alexander ha passato al dettaglio nove possibili ipotesi biochimiche per le sue esperienze e poi meticolosamente e scientificamente le ha respinte tutte, una per una. Il risultato? La sua esperienza era reale. In realtà, era “più reale” della vita come essere umano.
Ricordate, il Dr. Alexander è un neurochirurgo. Quest’uomo conosce che il cervello fisico come nessun altro. Le nove spiegazioni mediche che ha ipotizzato e negato come cause come possibili per la sua esperienza sono:
1) programma tronco cerebrale primitiva.
2) richiamo di ricordi distorti dal sistema limbico.
3) blocco glutammato endogeno con eccitotossicità.
4) DMT dump.
5) conservazione isolata di regioni corticali del cervello.
6) La perdita di neuroni inibitori che portano ad alti livelli di attività tra le reti neuronali eccitatori per generare un apparente “ultra-realtà”.
7) Attivazione del talamo, del gangli della base e brainstorming per creare unìesperienza di iper-realtà.
8) Fenomeno Reboot.
9) generazione di memoria Insolita attraverso arcaiche vie ottiche.
L’esperienza di vita dopo la morte del Dr. Alexander può essere la più credibile nella storia dell’umanità.
L’ esperienza del Dr. Alexander (e successivo libro) è probabilmente il meglio documentato caso di vita dopo la morte che esiste nella scienza occidentale di oggi. Il fatto che una vivida, iper-reale vita dopo la morte è stata vissuta da un chirurgo del cervello scettico che non credeva nella vita dopo la morte – e che poi ha trovato il coraggio di documentare le sue esperienze e pubblicarle in un libro – aggiunge credibilità inconfutabile all’esperienza.
Questo non era un ragazzetto cerca di fama in uno show televisivo. In realtà, la sua scrittura di questo libro l’ha messo in ridicolo di fronte ai suoi ex “colleghi” scienziati. C’erano tutte le ragioni per NON scrivere questo libro. Solo la grazia di Dio ha guarito il Dr. Alexander dalla sua infezione da E.coli, e restaurato per sua normale funzione cerebrale e concesso la visione della vita dopo la morte in modo che potesse tornare in questo regno e tentare di mettere ciò che ha visto in parole.
Personalmente, credo che il dottor Alexander, e la sua esperienza rispecchi quella di molti altri, in ogni cultura, che hanno riportato simili NDE (esperienze di premorte). C’è vita dopo la vita, e lo spostamento nella coscienza dei terrestri, che porta la nostra specie a un livello superiore di comprensione può iniziare, credo, con l’accoglimento della verità della immortalità delle nostre anime (e l’esistenza di un grande Creatore ).
Che cosa significa tutto questo?
Il cammino spirituale del Dr. Alexander ci offre una ricchezza di informazioni che possono contribuire a fornire significato e scopo nella nostra vita quotidiana.
Per cominciare, significa che tutte le nostre azioni sono registrate nel cosmo e che non ci sono segreti nel grande scopo delle cose. Non è possibile fare segretamente qualcosa a qualcuno qui sulla Terra e pensare che non venga registrata sulla tua anima per sempre. Questo significa anche che tutte le nostre azioni saranno contabilizzate nella vita ultraterrena. Se questo messaggio suona familiare, è perché la stessa idea è il pilastro di ogni grande religione mondiale, tra cui il cristianesimo.
Significa, inoltre, ci sono persone che vivono oggi su questo pianeta le cui anime letteralmente bruceranno all’inferno eterno. Ce ne sono altri la cui anima, come il dottor Alexander, è stata portata in Cielo per mostrargli una realtà più grande. Quello che abbiamo scelto di fare con la nostra vita di ogni giorno determina quale percorso le nostre anime terranno dopo la morte del nostro corpo fisico.
Ciò che conta, quindi, non è se effettivamente riusciremo a sconfiggere il male qui sulla Terra, ma piuttosto la natura del nostro carattere che emerge da tutte le sfide e le tribolazioni che dobbiamo affrontare. Tutto questo è una prova, capito? Questo è il motivo per cui la vita sembra essere dura a volte. Non è una panacea, è un banco di prova per le anime più coraggiose di tutte – coloro che desiderano entrare nel regno del male con la speranza che potranno elevarsi al di sopra di esso prima della fine della loro durata della vita umana.

Fonte:http://www.naturalnews.com/037917_Proof_of_Heaven_afterlife_Creator.html#ixzz2C9EoDQEE

Versione Italiana: Lo specchio del pensiero

Nessun commento:

Posta un commento

Caro amico/a
Inserisci il tuo commento rispettando te stesso le tue idee ed anche le altre persone con le loro idee. Sono vietati i contenuti offensivi per se stessi e per gli altri. Namaste