lunedì 27 agosto 2012

Gli Architetti della Nuova Era - 3° messaggio: La società Siriana






“Ciao! Con questa lettera di presentazione vogliamo spiegare il perché di questo nuovo progetto di divulgazione, sia nelle sue modalità, sia nei suoi contenuti.
Siamo un piccolo gruppo molto eterogeneo ma molto unito, composto da una trentina di persone che da oltre 3 anni fanno parte di una Membership Online e che portano avanti un progetto di incontro e comunicazione con gli Esseri che vivono in altre dimensioni e ...
Piani di Esistenza.
Il nostro progetto, fin dall’inizio, è sempre stato riservato ma mai segreto…
continua a leggere la Lettera di presentazione →
Ciò premesso vi lasciamo alla lettura del Messaggio #3 che sottoponiamo come sempre alla sensibilità e al discernimento individuale dei lettori.
«Ciò che conta è il messaggio, non il messaggero!»


Contatto del 5 Giugno 2012
PARTE I

Inizio connessione, sì, data terrestre 5 giugno 2012.
Connessione, connessione, connessione attiva.
Vorrei stasera cominciare il nostro incontro, il nostro saluto, con un sorriso, esprimendo la gioia che ci appartiene.
Vorremmo anche tentare di essere stasera come simpaticamente presenti, vorremmo copiare l’ironia che contraddistingue la vostra razza dicendo che per fortuna il tempo scorre diversamente dentro di noi: per questo siamo stati più tranquilli nell’attesa di questo incontro perché in effetti sentiamo con sorriso la vostra impazienza.
Vi salutiamo come salutiamo i Messaggeri della Luce che ci conducono a voi, i vostri Angeli, che ci hanno ancora accompagnato, sono in effetti meravigliosamente splendenti e vi amano oltre la vostra comprensione. Noi siamo i vostri fratelli ricordatevelo.
Noi siamo presenti in spirito, in amore, in comunione nel corpo, presenti qui, la nostra mente è sempre più connessa a voi e a questo messaggero quindi sempre più facilmente comunicheremo.
Certamente le nostre comunicazioni, come vi abbiamo già spiegato l’altra volta, devono essere protette e per così dire anche mantenere una propria intelligenza in modo tale da non essere manipolate, estrapolate ed usate se non da cuori puri e da menti gentili quali voi siete.
Memori delle passate esperienze, dobbiamo mantenere un controllo comunicativo e questo però non deve rallentarvi nella divulgazione a cui certamente vi autorizziamo. Certo anche noi vediamo e osserviamo le resistenze che ancora sussistono sul vostro piano dimensionale e nella vostra realtà, ma essa sta cambiando, potete percepirlo sempre più chiaramente e noi osserviamo dal cielo ciò che il cielo manifesta e ciò che la terra riceve e rielabora.
Un’ultima raccomandazione è di interpretare le nostre parole, come abbiamo detto l’altra volta, non come insegnamenti ma come stimolo sia per voi internamente sia in futuro come modello sociale di evoluzione. Speriamo che queste parole, questo eco di un’antica fratellanza, possano manifestarsi sempre più nel vostro tempo e queste parole, che voi trascriverete e riorganizzerete in un libro o quant’altro, possano essere di stimolo per la futura generazione.
Abbiamo creato un ponte, un collegamento, adesso lasciamo che fluiscano sempre più informazioni, sì.
Salutiamo uno ad uno tutti voi, con un caloroso abbraccio di vicinanza e ringraziamo i presenti e i collaboratori del messaggero con il nostro cuore.
Prego, puoi porre a me le prime domande. Proveremo anche stasera a parlare un po’ tutti. Io sono Soliàn.
  • Come scorre il tempo per i Siriani?  
Il tempo, come state scoprendo e come scoprirete sempre più, è un fluire che è determinato da diversi fattori. Certamente è una costante della Natura, le stagioni, il giorno, la notte, il susseguirsi di questa emanazione temporale ma esso dipende anche da come voi lo percepite e lo vivete. Adesso per esempio il vostro tempo interno non è certamente corrispondente a quello che osservate nei vostri orologi e questo è molto chiaro per ognuno di voi.
Se ci chiedete come scorre il tempo sul nostro pianeta possiamo dirvi che indicativamente, nel rispetto delle vostre comprensioni, abbiamo una parte del pianeta in cui vi sono 12 ore di sole e 6 notturne e viceversa dall’altra parte del pianeta, 6 ore di sole e 12 di oscurità.
Questo per darvi una indicazione, ma vorrei andare oltre e vorrei farvi riflettere su come certe conoscenze siano in realtà già presenti nella vostra mente. Cosa voglio dire? Voglio sottolineare che la vostra scienza e la vostra fantascienza hanno ricevuto già tanti messaggi, input e voi in realtà siete ormai così abituati mentalmente all’esistenza di altre razze e siete pronti alla comprensione di altre forme di esistenza e di società.
Ma, lo ripetiamo, la storia è storia per voi come per lo spazio e l’Universo intero. 
Ovvero non crediate che la nostra società si sia evoluta in maniera così differente. I cicli storici, i cicli degli eventi, dello svolgimento delle società sono invero molto simili: parlano di ignoranza e di scoperta, parlano di guerre, di prevaricazioni, parlano di tentativi di pace e di evoluzione, parlano di magia, parlano di scienza che sposa la magia. Noi siamo più simili di quanto crediate.
Se potessimo viaggiare più avanti nel tempo anche solo di 100 anni questo contatto non avrebbe senso, farebbe parte della storia, di una storia che voi state iniziando a compiere. Quindi lasciate sfogo alla vostra curiosità, noi cercheremo di rispondervi, ma uno degli scopi dei nostri incontri è quello di aiutarvi a progredire nella vostra evoluzione. I messaggeri della Luce ci hanno ben istruito su come comportarci con voi e su come relazionarci al meglio.
Bene sorella terrestre, poni un’altra domanda.
  • Anche voi Siriani avete una qualche forma di astrologia e com’è la vostra astrologia? Anche voi usate o avete usato in passato questi strumenti di crescita (astrologia, tarocchi…) e più in generale, come vi rapportate, come entrate in comunione con l’Essere Più Grande di cui fate parte? Siete in grado di mantenere continuativamente un collegamento forte e costante con la vostra  Anima?
In generale sì. In generale la stragrande maggioranza di noi è connessa a Dio, come voi lo chiamate, o all’energia dell’Universo.
Fin da piccoli sentiamo di appartenere a un’Unità molto diversa singolarmente, ma fin da piccoli impariamo a meditare, a pregare o connetterci in forme certamente molto simili alle vostre. E anche la nostra storia è una storia di magia, ma la differenza è che magia e scienza si sono, prima che da voi, mischiate quindi anche l’uso di quelli che chiamate computer per noi è un uso alchemico e mistico.
Anche attraverso il fluire dei dati noi riconosciamo le verità e il fluire dell’energia. Certo, come abbiamo detto l’altra volta, vi sono determinanti differenze tra di noi: vi sono gli scienziati, i guaritori e anche ciò che voi definite mistici. Essi rappresentano i nostri medium, sono connessi più attraverso la Natura, i grandi cristalli e le acque sacre che permettono loro di ricevere messaggi dal livello superiore dell’esistenza.
No, non abbiamo quello che voi avete definito cartomanzia e tarocchi perché essi sono lo specchio della vostra personalità, mente, archetipi e inconscio, quindi sono un interessantissimo e curioso strumento che noi stiamo osservando e nella fattispecie stiamo studiando attraverso questo messaggero. E soprattutto questo mese che lui ha lavorato molto con questo magnifico strumento, abbiamo potuto osservarne meglio il funzionamento.
  • Che cosa significa per voi venire sulla Terra? Vi richiede molto tempo, molte risorse? Come mantenete i rapporti con il vostro pianeta d’origine quando siete qui? Quanti di voi sono attualmente coinvolti nella vostra missione sulla Terra?
Preferiamo nello specifico non rispondere all’ultima domanda ovvero quanti noi siamo, preferiamo mantenere adesso questa informazione riservata perché fa parte di quelle informazioni che possono essere manipolate. Per il resto, che cosa vuol dire per noi essere qua? Che cosa vuol dire per un esploratore conoscere nuove razze, nuovi mondi, nuove vie della creazione, nuove manifestazioni del tutto?
È un’esperienza entusiasmante, eccitante ad un livello profondo che definireste animico, ma curioso ed eccitante anche ad un livello mentale.
Poi, che cosa questo comporti come impegno, come sacrificio, come movimento, come tecnologia forse anche a queste domande vorrete una risposta, ma è ben poca cosa il sacrificio e lo sforzo in confronto a ciò che ci donate e ci dona questa esperienza.
Da un punto di vista energetico e di connessione di cuore è come per voi fare un viaggio, fare un’esplorazione. Abbiamo dentro sempre la nostra casa e regolarmente torniamo a casa anche se per noi il concetto di casa è molto più ampio del vostro.
Vi è la necessità per una parte del nostro corpo di sintonizzarsi con le energie primarie con cui è stato creato e quindi per questo vi è la necessità di tornare regolarmente dopo ogni missione. Tendenzialmente, in parametri di riferimento a voi comprensibili, le nostre missioni non durano mai più di tre anni come regola, tre anni dei vostri.
Mentre dal punto di vista tecnico, e qui mi collego a una domanda successiva che abbiamo letto prima attraverso il messaggero, quello che possiamo dirvi è che in effetti in questa galassia esiste una nostra astronave che voi chiamate l’astronave madre che noi e altri gruppi di esploratori usiamo come base per spostarci ed esplorare parti della galassia e delle civiltà che la abitano.
Questa astronave madre di cui non vi diremo l’ubicazione, non possiamo, fa anche da ponte per un sistema comunicativo e di conseguenza possiamo regolarmente comunicare con altri compagni amati o anche con ciò che definireste parenti sul nostro pianeta. Ci scusiamo se non possiamo darvi alcune informazioni dettagliate, ma pensiamo che possiate comprendere.
Un’ultima domanda per me.
  • Come si chiama il vostro pianeta? È composto da molta acqua come il nostro? Come vi spostate in esso? Sul vostro pianeta vi sono le stesse specie animali, i pesci, c’è una vegetazione?
Preferiamo ancora non divulgare né il nome del nostro pianeta, né quello delle nostre città, perdonateci.
Quello che possiamo dirvi è che esso è composto similmente alla Terra, ma dovete comprendere che in effetti questi pianeti abitati sono abitati proprio perché hanno delle caratteristiche comuni. Indicativamente possiamo dirvi che un terzo del nostro pianeta è composto da acqua, vi sono 2 vasti oceani, come voi li chiamate. Abbiamo alcune grandissime foreste, abbiamo una parte minima ghiacciata, molto minore rispetto al vostro pianeta, abbiamo vegetazioni similari ma anche alberi che arrivano fino a 300 metri di altezza. Abbiamo diverse forme viventi di animali e piante, ma non la diversità così straordinaria e magnifica che voi avete. Abbiamo alcune specie, non molte in verità, 4 specie di animali pericolose e una potenzialmente pericolosa però non vi è conflitto, non vi è tensione, vi è rispetto specifico e di conseguenza i casi di uccisione da parte degli animali sono veramente rarissime ormai. Abbiamo specie di pesci simili ai vostri ma anche diversi, questo è ovvio, ma è sempre più interessante osservare come siano proprio simili anche le specie animali.
Alcune hanno deciso di vivere nelle nostre città che dovete comprendere abbiamo disseminato regolarmente e in maniera ecologica lungo l’80 per cento delle nostre terre. Questo perché abbiamo visto come sia migliore porre l’attenzione sulla qualità della vita e non sulla quantità, di conseguenza sul pianeta noi ci regoliamo per rimanere stabilmente non oltre un miliardo e mezzo e le nostre città non sono mai, come voi le definireste, superaffollate e questo permette una qualità della vita certamente migliore. Anche il controllo delle nascite, ci preme sottolineare, sarà necessario per il giusto evolversi in equilibrio della vita sul vostro pianeta.
Il nostro pianeta è leggermente più piccolo della Terra, diciamo 4/5, possiamo dirvi che esistono 17 città principali e qualche centinaio di piccoli agglomerati che potremmo definire come dei paesi, i vostri piccoli paesi di campagna. Poniamo estrema attenzione affinché il costrutto delle nostre abitazioni sia, come voi lo definireste, estremamente ecologico e perfettamente inserito nella Natura che entra in ogni città e in ogni paese. Noi siamo estremamente collegati al mondo vegetale.
Vi lascio adesso: dobbiamo chiudere questo primo collegamento per far riposare la mente del messaggero.
Possiamo chiudere ancora una volta con simpatia, dicendo che anche noi, anche ai nostri bambini piace molto la compagnia di animali e il nostro animale domestico più comune, per così definirlo, assomiglia abbastanza ai vostri cinghiali, ma è estremamente docile però in effetti è l’animale che più assomiglia anche se il nostro ha una peluria che tende più al colore verde scuro.
Tutte queste informazioni prendetele con il cuore e con la mente, fatevele scivolare dentro e che esse siano una possibilità di risuonare insieme proprio perché preme a tutti noi, e anche a noi esploratori presenti qui, a noi tre, sottolineare non le differenze ma le somiglianze.
Speriamo che abbiate compreso. Ora fate una pausa.
Pausa comunicazione.

PARTE II

Che gioia potervi contattare cari fratelli e sorelle umani. Veramente dal mio cuore un raggio di Amore e di Gratitudine per voi.
Il compimento di questo contatto è il compimento della nostra missione, quindi è il compimento della nostra vita e, come avete imparato dai vostri Angeli, chi è che ringrazia veramente, chi è che si avvantaggia di tutto ciò?
Entrambi, tutti noi, e io sono colma di Amore e di Gratitudine per questa esperienza che guido e che stimolo fortemente. Senza indugi voglio rispondervi, dimmi sorella?
  • Come siete organizzati, anche voi con una gerarchia che assegna potere a chi sta sopra? Da voi esiste una politica o è esistita e ve ne siete liberati? Immaginiamo abbiate anche voi delle regole popolari, ma come fate sì che vengano applicate?
Tutti i vostri parametri di analisi societaria sono dettati dalla vostra esperienza, ma, come vi ho già detto, noi ci siamo evoluti, abbiamo passato queste fasi e adesso siamo connessi profondamente a ciò che chiamerete sempre più “meritocrazia”.
Certo abbiamo un governo, ma la fiducia è la parola chiave. Sappiamo che coloro che meritatamente, i più saggi, coloro che hanno più esperienza dettata anche dall’età, sono al potere, sono realmente al servizio del benessere comune, quindi non vi è una separazione ma una emanazione, per così dire.
Chi è al potere è l’emanazione di chi, per così dire, viene comandato, quindi c’è una connessione profonda dettata da una fiducia profonda. 
Siamo una società in cui, come voi ben presto comprenderete e manifesterete, ci si sforza di eliminare le leggi. Come anche il nostro messaggero vi ha già spiegato in alcuni corsi, certamente più leggi significano meno connessione e meno coscienza, meno consapevolezza, meno leggi significano che la società, il nostro collettivo, il collettivo stesso, oltre che l’individuo, si innalza nella coscienza e nella consapevolezza. Di conseguenza l’obiettivo di governare è quello di eliminare, ridurre le leggi per ampliare la consapevolezza.
Questo è la chiave della nuova società che sperabilmente anche voi vivrete presto. Se non nella sua manifestazione, voi getterete, con i vostri pensieri, pianterete i semi della vostra nuova società. La politica è una antica parola che non viene quasi più usata da noi: c’è servizio, c’è dedizione, c’è volontà tesa al benessere comune e certamente ancora non siamo una società perfetta perché abbiamo delle discrepanze evolutive e abbiamo taluni individui che vogliono esprimere in maniera differente la propria libertà.
Essi vengono sospinti fuori dal collettivo. Ma non usiamo termini come esiliato o scacciato: è più una scelta di sperimentare altro, è più una energia collettiva comune che sospinge fuori l’individuo. Certo dovete comprendere anche che noi impariamo dalle diversità. Una delle forme più negative e nefaste per l’evoluzione di un collettivo, di una società, è proprio quella del razzismo, quella di sentirsi diversi e aver paura del diverso, mentre noi, come stiamo facendo anche adesso, siamo sospinti per natura, per nostra natura all’integrazione delle diversità.
Forse potete considerare questo il lato gentile della nostra razza, la caratteristica di essere attratti dalle diversità e accogliamo sul nostro pianeta almeno una quindicina di razze diverse che vogliono sperimentare e sperimentarsi in uno scambio con la nostra società.
Noi stessi possiamo essere definiti in tre grandi razze, con alcune differenze caratteriali e anche fisiche. Ma certamente abbiamo compreso come sia importante in un contatto, in uno scambio, partire dal riconoscere le vicinanze e le somiglianze e da esse costruire comunicazione e scambio reciproco.
È chiaro?
La prossima domanda.
  • Come gestite sul vostro pianeta il discorso rifiuti? Visti gli ultimi giorni agitati in Italia per i terremoti, anche da voi il vostro pianeta e le vostre abitazioni presentano questo tipo di problema? Se sì come li avete risolti o come ci convivete?
Per quanto riguarda i rifiuti potete ben comprendere che quel motto che voi usate con le parole, ma meno nei fatti, ovvero che prevenire è meglio che curare, per noi è uno dei pilastri della ecologia societaria che manifesta il nostro collettivo.
Quindi innanzitutto dovete considerare che non produciamo rifiuti o comunque non so, non sono io la scienziata, ma potete comprendere che forse produciamo un millesimo dei vostri rifiuti, quindi il riciclaggio in ogni sua forma è sostenuto nella natura e sospinto nella scienza. Possiamo tranquillamente definire che ricicliamo e siamo eco-sostenibili per lo meno al 99 per cento delle nostre produzioni.
Vi sono infine una piccolissima percentuale di scorie radioattive, dovute ai nostri macchinari, alle nostre astronavi, ma abbiamo imparato un sistema sicuro di stoccaggio in alcuni asteroidi rocciosi, al di fuori chiaramente della nostra atmosfera di cui naturalmente controlliamo la direzione e la staticità nello spazio, perché certamente non vogliamo che essi cadano su altri pianeti.
Vorrei farvi considerare, amabili terrestri, che la vostra società per quanto riguarda i rifiuti, rispecchi la vostra mente: i vostri rifiuti sono dettatati dallo stile della vostra vita, dai rifiuti nella vostra mente.
La nostra società, paragonata alla vostra, potrà essere considerata estremamente essenziale, ma certamente noi nell’essenzialità abbiamo tutto ciò che ci abbisogna realmente e profondamente. Quindi vi invitiamo a riflettere su come ci sia un parallelismo tra gli scarti delle vostre modalità di pensiero e i rifiuti della vostra società: è un problema certamente anche se non quasi completamente interiore.
Abbiamo anche stabilizzato il nostro pianeta con le nostre tecnologie, la parte superficiale e le croste profonde del nostro pianeta, in modo da evitare il più possibile i terremoti se non anche calcolandoli, prevedendoli.
Le nostre abitazioni sono completamente inserite all’interno della Natura: potete ben immaginare come la lunghezza e le profondità dei nostri amatissimi alberi possa essere come una ragnatela di sostegno per le nostre abitazioni: immaginate le radici di un albero di 300 metri come rendano stabile il nostro terreno, comprendete?
Ci siamo dimenticati di rispondere alla domanda sull’astrologia e certamente essa è interessante perché noi non solo osserviamo le stelle, seppure chiaramente in maniera diversa da voi, perché da un’altra prospettiva, ma noi viviamo nelle stelle, viaggiamo nello spazio, quindi siamo ancora più consapevoli del potere e dell’energia degli astri che noi addirittura usiamo, anche se può sembrarvi incomprensibile, per i nostri spostamenti.
Vedete anche la somiglianza delle nostre lingue, sì, avete compreso che il mio nome per voi significa stella in una della vostre lingue, per questo noi ci nutriamo consapevolmente dell’energia delle stelle, abbiamo un’astrologia ma più diretta, più esperienziale e meno esoterica della vostra.
Non so se riuscirete a comprendere, è non facile per me e per noi spiegare queste realtà. Ancora noi avviciniamoci nelle somiglianze e abbracciamo le nostre stelle, abbracciamo l’energia di Amore nel nostro cuore che Venere adesso vi trasporterà, proiettata dalle tempeste solari, trasportata dal vento solare e accoglietela nel vostro cuore proprio come un risveglio di Amore, sì.
Fate questo adesso affinché quest’energia possa lenire il dolore della vostra vita. Le stelle ci benedicono sempre e ci guidano e sperabilmente presto voi entrerete a far parte della Grande Fratellanza e viaggerete con noi.
Dimmi.
  • Vorrei sapere se, come sosteneva Bendandi, è proprio questo allineamento di Venere sul Sole che sta causando i movimenti tellurici che stiamo vivendo e se essi, come sento, al di là dei drammi umani che stanno causando e della paura che fanno emergere, stanno anche rompendo con vecchie strutture e facilitando l’emersione della verità, lo schiarimento delle coscienze, la ricerca della giustizia e la percezione dell’unità.  
Sì, certo, tutto era scritto in potenziale, anche questi incontri, anche questi spostamenti, queste vibrazioni che scuotono pesantemente ciò che è radicato, cristallizzato in voi. Osservatevi come noi lo facciamo, osservate come per voi che siete già radicati in questa crescita, tutti questi terremoti stanno certamente causando stress al vostro corpo, ma sentite, sentite nel profondo di voi stessi il cambiamento, la crescita, e così osservatela negli altri, nella vostra società, in ogni persona.
Noi dalla nostra visuale così alta, ma così precisa, vogliamo dirvi che tutto procede per il meglio nonostante certamente anche il tentativo, l’infiltrazione di talune forze che vogliono per così dire mischiare gli ingredienti di questo cambiamento per poter avariare il risultato finale.

Ma voi siete pronti e avete tutto il nostro sostegno. I Fratelli delle Stelle sono qui per voi, con voi. Anche Maliàn vi saluta, stasera non parlerà anche perché sta lavorando con le nostre tecnologie e possiamo concludere ancora connettendovi al mio cuore che è l’esempio del nostro cuore, del nostro amore e della nostra connessione.
Stasera in verità abbiamo anche un ulteriore ospite nella nostra astronave; appartiene in effetti a quella razza di scienziati che operano con la Fratellanza e che voi chiamate Java e che il nostro messaggero sta vagamente ricordando di incontrare in queste notti, ma è così.
Ora vorrei lanciarvi una sfida con un sorriso, una sfida con gioia che in realtà è un invito. Venite a trovarci stanotte: la nostra astronave e noi siamo attrezzati e pronti anche per osservare e comunicare con le vostre anime.
Venite, sì, saremo come un ricordo vago e confuso nei vostri sogni ma la vostra anima nel profondo gioverà di questi incontri. Abbiamo una bellissima sala adibita a questi particolari incontri. Vi aspettiamo. Siete i benvenuti.
A presto cari fratelli e sorelle umane. Che il potere e la gioia delle Stelle e della comunione con tutta la Fratellanza vi appartenga.
A presto.

Gli Architetti della Nuova Era
tramite Hearthaware blog
hearthaware.wordpress.com

Nessun commento:

Posta un commento

Caro amico/a
Inserisci il tuo commento rispettando te stesso le tue idee ed anche le altre persone con le loro idee. Sono vietati i contenuti offensivi per se stessi e per gli altri. Namaste