lunedì 17 giugno 2013

GNOSIS PRIMA LEZIONE


introduzione alla gnosi
 E’ necessario trionfare nella vita. Se volete veramente trionfare, dovete cominciare con l’essere sinceri con voi stessi: riconoscere i vostri errori. Quando riconosciamo i nostri errori, siamo sulla via di correggerli. Chiunque corregge i propri errori finisce inevitabilmente per trionfare.
L’uomo d’affari che ogni giorno rende gli altri responsabili dei suoi fallimenti e non riconosce mai i suoi errori, non potrà trionfare. Ricordatevi che i grandi criminali considerano se stessi come santi. Se rendiamo visita ad un penitenziario, costateremo che nessun ladro o criminale si considera colpevole. Quasi tutti dicono a se stessi: “Sono innocente”. Non cadete nello stesso errore. Così eviterete mali peggiori.
Colui che riconosce i propri errori può formare un focolare felice. Il politico, lo scienziato, il filosofo, il religioso, ecc., che riconosce i suoi errori, può correggerli e trionfare nella vita.
Se volete trionfare nella vita NON CRITICATE NESSUNO. Colui che critica gli altri è un debole, mentre colui che si autocritica, istante dopo istante, è un colosso. La critica è inutile perché ferisce l’orgoglio altrui e provoca la resistenza della vittima che cerca a sua volta di giustificarsi. La critica suscita una reazione inevitabile contro il suo autore. Se volete veramente trionfare, ascoltate questo consiglio: non criticate nessuno.
L’uomo e la donna che sanno vivere senza criticare nessuno non provocano resistenza né reazione da parte degli altri e così si crea un’atmosfera di successo e di progresso. D’altro lato, colui che critica gli altri si circonda di nemici. Dobbiamo ricordarci che gli esseri umani sono pieni di orgoglio e di vanità, e quest’orgoglio, questa vanità inerente in essi genera una reazione (risentimento, odio, ecc.) che è diretta contro colui che li critica. Concludiamo allora che colui che critica il suo prossimo fallisce inevitabilmente. E’ meglio per colui che vuole correggere gli altri che cominci a correggere se stesso. Il risultato è migliore ed è meno pericoloso.
Il mondo è pieno di nevrastenici. Il tipo nevrastenico è criticante, irritabile e anche intollerabile. Numerose sono le cause della nevrastenia: l’impazienza, la collera, l’egoismo, la presunzione, l’orgoglio.
Tra lo Spirito e il corpo esiste un mediatore: il sistema nervoso. Prendetevi cura del vostro sistema nervoso. Quando il vostro sistema nervoso si trova irritato da qualche cosa che lo affatica, è meglio fuggire da questa cosa. Lavorate intensamente ma con moderazione. Ricordatevi che il lavoro eccessivo produce fatica. Se non fate caso alla fatica, se perseguite il lavoro eccessivo, allora l’eccitazione si sostituisce alla fatica. Quando l’eccitazione diventa morbosa si converte in nevrastenia. E’ necessario alternare il lavoro e il riposo gradevole; così eviteremo il pericolo di cadere nella nevrastenia.
Qualsiasi padrone voglia trionfare deve guardarsi dal pericolo della nevrastenia. Il padrone nevrastenico critica tutto il tempo e diventa insopportabile. Il nevrastenico aborrisce la pazienza e, se è padrone, si converte nel boia dei suoi impiegati. Gli operai che devono lavorare sotto gli ordini di un padrone nevrastenico e criticante finiscono per odiare il loro lavoro e il loro padrone. Nessun operaio scontento lavora con piacere. Spesso le imprese crollano perché gli operai sono scontenti e di conseguenza non lavorano efficacemente.
Il nevrastenico, se è operaio o impiegato di ufficio, diventa ribelle e finisce per essere licenziato. Ogni lavoratore nevrastenico cerca l'occasione di criticare il suo padrone. Ogni padrone ha orgoglio e vanità, ed è normale che si senta offeso quando i suoi impiegati lo criticano. Il lavoratore che vive criticando il padrone finisce per perdere il suo impiego.
Prendetevi cura del vostro sistema nervoso. Lavorate con moderazione. Divertitevi sanamente. Non criticate nessuno. Cercate di vedere in tutti gli esseri umani ciò che hanno di migliore.
Esercizio per dominare la collera. Vi sentite irritati o pieni di collera? Siete nervosi? Riflettete un po': ricordatevi che la collera può provocare delle ulcere gastriche. Controllate la collera per mezzo della respirazione: inspirate molto lentamente (non inspirate dalla bocca: inspirate dal naso, con la bocca ben chiusa) l'aria vitale contando mentalmente,1-2-3-4-5-6. Trattenete ora il respiro contando mentalmente,1-2-3-4-5-6. Esalate quindi molto lentamente dalla bocca contando mentalmente, 1-2-3-4-5-6. Ripetete l'esercizio fino a che la collera sia passata.

Tratto da http://www.samaelgnosis.net

Iscriviti al corso audio formato MP3

ISCRIZIONE Corso di GNOSI in formato MP3
ISCRIZIONE

Nessun commento:

Posta un commento

Caro amico/a
Inserisci il tuo commento rispettando te stesso le tue idee ed anche le altre persone con le loro idee. Sono vietati i contenuti offensivi per se stessi e per gli altri. Namaste